Avvitare, svitare, carteggiare – oggi giochiamo con il legno

Cosa fare quando un bambino di 5 anni ti dice senza mezzi termini che vuole costruire con il legno? Io, che nella mia vita al massimo ho montato un mobile dell’Ikea, ho chiesto suggerimenti nel gruppo facebook mamme e papà montessoriani, dove  mi hanno dato diverse idee.

Ecco,  tra le tante proposte, quelle che ho messo in pratica con il fondamentale aiuto di mio marito.

avvitareconavvitatore

Con un morsetto ho fermato sul tavolino un blocco di legno . Nel mio caso l’avevo già in casa, ma se non ne avete, potete chiedere ad una falegnameria se vi regala qualche scarto di lavorazione. Ho praticato dei fori con l’avvitatore e tre viti autofilettanti e ho inserito una rondella tra le viti e il legno. Momo si è divertito ad avvitare e svitare con l’avvitatore.

Poi il papà ha pensato di avvitare una tavola di compensato al blocco di legno. Momo ha iniziato ad avvitare e svitare le viti e a praticare fori sul compensato con il cacciavite.

avvitareconcacciavit

A questo punto è necessario carteggiare per levigare il legno e togliere i trucioli

carteggiare

Soddisfatto del proprio lavoro, Momo ha messo a posto il cacciavite e si è messo a fare altro.

portacacciavite

Altri suggerimenti sono proposti da Elisa Pellegatta, titolare de La bottega di Mattia. Elisa organizza laboratori per bambini dove si lavora con il legno e mi ha permesso gentilmente di pubblicare le foto di alcuni lavori.

Queste composizioni sono state realizzate dai bambini nel laboratorio che Elisa ha tenuto presso la Fiera del bambino naturale , usando scarti di falegnameria, colla Vinavil e chiodini:

ph. credits: Marco Foglia
ph. credits: Marco Foglia

Pista delle biglie:

ph. credits: Marco Foglia
ph. credits: Marco Foglia

Tavola di compensato, occhielli a vite e corda:

14344753_10154122749089139_9199872883063272194_n

Infine un gioco semplice, ma di grande successo, costruito da Elisa per la gioia dei suoi bimbi di due e quattro anni, usato più e più volte: un tavolino dove sono stati praticati fori adatti a chiodi di diverse dimensioni, da avvitare e svitare.

14449823_10154122779684139_2003618640441623103_n

I bambini si divertono un mondo a lavorare con il legno. Provare per credere!

Incontriamoci nel gruppo facebook A che gioco giochiamo e scambiamoci le idee!

Liberare i giochini con l’aceto

 

Ecco un esperimento che è piaciuto tanto a Momo: liberare i giochini con l’aceto.

Prima però li dobbiamo imprigionare. Cosa occorre:

  • Giochino di piccole dimensioni
  • Piccolo contenitore o vaschetta per il ghiaccio
  • bicarbonato
  • acqua

Inserite il giochino nel contenitore e ricopritelo in parte di bicarbonato. Tenete conto che bisognerà creare una miscela di tre parti di bicarbonato e una parte di acqua. Momo ha versato 6 cucchiaini di bicarbonato e due cucchiaini d’acqua.

AcetoBicarbonato1

Mettete in freezer qualche ora.

Ora tirate fuori il contenitore dal freezer. Io ne ho preparati due. I giochini sono incastrati nella miscela.

AcetoBicarbonato2

L’esperimento può iniziare

L’ unico ingrediente che serve è l’aceto. Versiamolo sopra il giochino.

AcetoBicarbonato3

e vediamo come aceto e bicarbonato reagiscono formando tante bollicine

AcetoBicarbonato5

E così possiamo liberare i nostri giochini

AcetoBicarbonato7

Ma se siamo stanchi di versare aceto, ci vengono in aiuto scalpello e  martello

AcetoBicarbonato8

Con un po’ di acqua i giochini saranno più puliti che mai e la miscela che avanza si può usare come prodotto di pulizia.

Questa idea è stata presa dal blog fun-a-day . Qui trovate l’attività originale.

Scambiamoci le nostre idee sul gruppo facebook A che gioco giochiamo

A presto!

 

Giocare con le ombre

Momo ha ereditato dal padre la passione per Star Wars.

Un giorno ha aperto un cassetto nel corridoio e con grande nostra sorpresa, ha trovato i pupazzetti dimenticati dei vari personaggi che avevo regalato per gioco al mio futuro marito più di 10 anni fa.

_DSC8531ridotto

Ora sono passati a lui e ci gioca ogni giorno.

Così ho cercato qualche attività in tema e sono capitata nel blog Childhood 101 dove ho trovato questa idea:

Il gioco delle ombre di Star Wars

Star wars ridotto

Star Wars 0ridotto

Cosa occorre?

  • Immagini da stampare e ritagliare di Star Wars, che trovate qui
  • forbici
  • taglierino
  • spiedi, che potete trovate al supermercato o bastoncini o colori
  • Nastro adesivo
  • Torcia

Come si procede:

Ritagliate con le forbici il contorno delle immagini e con il taglierino praticate tutti i fori interni. A questo punto suggerisco di plastificare ogni personaggio, per renderlo più resistente. Poi attaccate gli spiedi alle immagini con il nastro adesivo.

Ora basta chiudere le finestre, spegnere le luci e accendere la torcia e la magia ha inizio!

Ma non tutti sono appassionati di Star Wars. 

Se i bambini sono grandi possono provate a realizzare da soli le sagome dei loro personaggi preferiti. Disegnate il vostro personaggio o fate fotocopie dai vostri libri o riviste. Ritagliatene la sagoma e riproducetela su un cartoncino nero.

Altrimenti qui sotto trovate due link a immagini stampabili gratuitamente:

  • In the playroom: In fondo all’articolo troverete tutto il set e i personaggi della favola I tre porcellini da stampare
  • Julep: Ci sono vari personaggi di Halloween da stampare

Naturalmente potete acquistare sagome personalizzate dei vostri personaggi preferiti. Ad esempio in questo negozio troverete una persona molto gentile che realizzerà le vostre richieste.

Infine qui trovate un tutorial molto chiaro per costruire un vero e proprio teatrino delle ombre.

Buona creatività a tutti!

Incontriamoci nel gruppo facebook A che gioco giochiamo  per scambiarci le nostre idee.

 

 

 

Chi me l’ha fatta in testa?

Chi me l’ha fatta in testa?

 

Un libriccino divertentissimo che ha venduto più di 40.000 copie.

Immaginando quale sia il segreto di questo successo mi sono venute in mente diverse motivazioni:

  • Contiene un argomento che diverte tanto i bambini: la cacca.

cacca

  • E la cacca produce suoni diversi:  patapaff è il suono che produce la cacca della mucca, pit pit pit fa quella della lepre. Ogni animale ha il suo suono.

cacca 04

 

cacca 05

  • Le facce buffe della talpa che cerca il colpevole.

cacca 02

  • E infine la sdrammatizzazione del momento della cacca.

E sì, perché non tutti i bambini hanno facilità a lasciarla andare. Ma ridendoci sopra la tensione si scioglie: “Ehiiì! Non me la fare sulla mano, eeh. Non fare come nel libro della talpaaa!” . E giù a ridere!

Chi me l’ha fatta in testa?

Buona lettura!!

 

Forza di gravità contro forza magnetica: facciamo volare un fermaglio

Ci sono dei periodi in cui Momo si fissa su dei concetti che trova curiosi. Uno di questi è la forza di gravità.

– Mamma, perché sulla Luna gli astronauti saltellano?

– Perché la forza di gravità sulla Luna è più bassa di quella sulla Terra.

–  Allora facciamo che dobbiamo cercare degli ingredienti magici sulla Luna e dobbiamo acchiapparli mentre volano.

Visto l’interesse per l’argomento, come al solito ho cercato idee su Pinterest e sono finita nel blog di buggy and buddy , dove si possono trovare molte attività scientifiche da proporre ai bambini.

Ed ecco l’esperimento:

Forza gravità

Prima di tutto si può mostrare come gli oggetti cadano sempre verso il basso. Basta legare un fermaglio ad un filo e mostrare che cade  giù per via della forza di gravità.

Poi mostriamo che se c’è una forza più “forte” il fermaglio può addirittura volare!

Cosa occorre:

  • Fermaglio
  • Filo
  • Magnete (io avevo a disposizione un Magformer, ma va benissimo una semplice calamita)
  • Qualsiasi oggetto per creare un ponte. In questo caso ho usato i blocchi della fattoria di legno  di Momo. Se avete un righello di metallo è più semplice, perché la calamita rimarrà attaccata senza dover usare il nastro adesivo.
  • Nastro adesivo

Create un’impalcatura come in foto usando ciò che trovate in casa e attaccate la calamita proprio sotto il ponte con del nastro adesivo. Legate il filo al fermaglio e avvicinatelo alla calamita in modo che venga attratto e si attacchi.

Ora staccatelo delicatamente spingendo lentamente il filo verso il basso. Forse dovrete fare più tentativi per trovare la giusta distanza in cui forza di gravità e magnetica si compensano, ma alla fine vedrete che il fermaglio rimarrà sospeso nell’aria come se volasse.

In questa pagina, scorrendo verso il basso, trovate il video dell’esperimento originale. Vale la pena vederlo, è molto suggestivo!

Buon divertimento!

Ps. Incontriamoci nel gruppo facebook A che gioco giochiamo per scambiarci le nostre idee

 

L’Uomo Ragno ci ha fatto uno scherzo

Ecco un gioco che ha riscosso un successo inaspettato. Stavo cercando un’ idea che includesse Spiderman, che è la nuova passione di Momo e mi sono imbattuta nel bellissimo blog  Mom inspired life, dove è spiegata questa attività ingegnosa. Così, poiché Momo da grande vuole fare il supereroe, quando sono andata a prenderlo a scuola, gli ho detto:

-Spiderman ha fatto il dispettoso e ha imprigionato tante persone e animali. C’è bisogno di un supereroe per liberare tutti.

-Ma Spiderman è finto, mamma.

E va bé, comunque la curiosità gliel’ho fatta venire e a casa è stato contento di trovare questo:

spiderman3

Il gioco consiste nel liberare tutti con una pinzetta (ma va bene anche una molletta da bucato) e nel riporli nel contenitore a destra. Sembra facile, ma non lo è, perché i giochini si impigliano.

Vediamo l’occorrente:

  • Qualche filo di lana
  • Forbici
  • Contenitore con buchi
  • Pinzetta o molletta da bucato
  • Giochini da liberare

Mettere i giochini nel contenitore; legare la ragnatela ben stretta e tirata. Io ho fatto tre nodi per evitare che si sciogliesse facilmente; mettere a disposizione la pinzetta.

spiderman1

Ed ecco il supereroe in azione:

spiderman2

E dopo aver liberato tutti e tagliato via la ragnatela, mi ha chiesto di ricostruirla per giocarci di nuovo.

Oltre al divertimento questo gioco aiuta la motricità fine, in particolare la corretta impugnatura della penna.

 

 

Un libro di mostriciattoli affamati

Ti mangio!

di John Fardell, editrice Il Castoro (2012)

Indicato dai 3 ai 5 anni

E’ un libro perfetto per i bambini che amano i mostri, da leggere più e più volte!

timangiocop

Un giorno Leo, che sta facendo una passeggiata nel bosco con sua sorella Sara, viene mangiato da un Inghiottone dei boschi:

timangio1

ma l’Inghiottone dei boschi viene mangiato dallo Gnammete alato:

TIMANGIO4

che a sua volta viene mangiato dall’Acchiappone marino:

timangio5

e così via in una catena di mostri che si mangiano l’un l’altro:

ti mangio2

Finché Sara non escogita uno stratagemma per liberare Leo:

ti mangio3

E i due bambini tornano a casa sani e salvi.

Buona lettura!

Labirinti, puntini e oggetti nascosti

Ecco alcuni giochi che i bambini possono fare da soli e molto utili quando ci si trova in una sala d’aspetto o si va al ristorante.

Trovare l’oggetto nascosto

Si può creare in modo semplice un libriccino con oggetti da trovare:

Ispy

Step 1: fotografare gli oggetti che intendi nascondere:

marcello

Step 2: mescolarli con altri oggetti e fotografarli di nuovo:

marcello

Dov’è la macchina rossa? E il cane?

Step 3: rilegare e plastificare (non necessario, ma viene più carino)

Oppure potete semplicemente cercare in rete  I Spy Game. Eccone alcuni da stampare:

Altri giochi da stampare e portare in giro:

 Labirinti

Segui con il dito o unisci i trattini

 Unisci i numeri

L’importante è trovare la difficoltà giusta, tenendo conto che i bambini imparano presto.

Buon divertimento!

 

 

 

 

Il grande libro di Mattia – La mia giornata

Il grande libro di Mattia. La mia giornata

Liesbet Slegers, ed. Clavis (2013)

Età di lettura: dai 2 anni

LibroMattiaCop

Il libro segue la routine giornaliera di Mattia: vestirsi, usare il vasino, colazione, bagnetto, denti e nanna.

LibroMattia2

LibroMattia3

Ci sono pagine con alette da sollevare:

LibroMattia4

LibroMattia5

Troverete semplici quiz da risolvere: quali tra gli animali raffigurati i hanno i denti e quali no? Quali alimenti non fanno bene ai denti? Cosa c’è di strano in questa pagina?

LibroMattia7

e filastrocche

LibroMattia6

 

Buona lettura!

Mille forme con un metro

Tempo fa Momo era interessato al nostro metro da muratore. Gli ho spiegato come maneggiarlo senza mettere le mani vicino agli snodi per non farsi male alle dita e gliel’ho lasciato a disposizione.

Dopo averlo usato come ponte, come canna da pesca e come scivolo per pupazzetti,  ha scoperto che ci si possono creare molte forme.

Dalle figure geometriche piane:

Metro1

Alle lettere dell’alfabeto:

metro4

metro3

metro2

Con un po’ di fantasia si possono creare molteplici forme.

E così una sera mio marito e Momo si sono divertiti a ricreare tutto l’alfabeto!

Buon divertimento!

Ritroviamoci per altre idee anche nel gruppo facebook A che gioco giochiamo.